Premio Dop alla Trevigianità.

L’idea dei Ristoratori del Radicchio di premiare chi si distingue nell’ambito dell’enogastronomia, dello sport e della cultura, ha trovato ampi consensi e vivi apprezzamenti nel corso del tempo. Tutti coloro, e sono ormai tanti, che dal 1999 si sono presentati all’Hotel Fior per ricevere il Premio, se ne sono andati con lo spirito di chi ha vissuto una serata indimenticabile grazie all’accoglienza tipicamente veneta che unisce serietà e convivialità, atmosfera amichevole e professionale, attenzione massima e mai leziosa per l’ospite.

Quest’anno il premio Dop alla Trevigianità è stato consegnato dal Presidente del Consorzio Casatella Trevigiana Dop Lorenzo Brugnera ad Andrea Lucchetta.

Andrea Lucchetta un nome, una leggenda, come quella della favolosa Nazionale di Volley degli anni Novanta di cui ha fatto parte come centrale. Nato a Treviso, è considerato  un membro in Italia della cosiddetta generazione di fenomeni,  termine coniato dal giornalista televisivo Jacopo Volpi, usato nel gergo pallavolistico per indicare l’insieme dei giocatori che costituirono l’ossatura della Nazionale  maschile che, sotto la guida di Julio Velasco prima,  Bebeto e Andrea Anastasi poi, riuscì nell’impresa di spezzare il dominio dei paesi dell’est europeo in questo sport, collezionando, tra il 1989 e il 2000, una serie di successi senza precedenti e difficilmente ripetibili nell’ambito di uno sport di squadra.

168